contentmap_plugin
Titolo Costruzione di un piccolo ambulatorio di pronto soccorso a Barrane
Luogo Mozambico - Provincia di Inhambane, Distretto di Morrumbene, area di Barrane
Durata 12 mesi (2017-2018)
Partner
  • Medicus Mundi Italia
  • SCAIP
  • SVI
  • CMD Brescia
Partner in loco
  • Diocesi di Inhambane
  • Serviço Distrital de Saude, Mulher e Acção Social di Morrumbene
Co-finanziatore

Lascito testamentario

Origine del progetto Il progetto si inserisce all’interno della azione di sviluppo integrato realizzata da MMI, SVI e SCAIP nel distretto di Morrumbene ed è complementare al supporto che MMI offre a sostegno dei servizi pubblici di salute di base nelle comunità più remote del distretto. Il ciclone Dineo, che il 15 febbraio 2017 si è abbattuto violentemente sul Distretto di Morrumbene, ha danneggiato seriamente anche i centri di salute con i quali MMI collabora. Fra questi il più colpito è risultato il centro dell’area di Barrane, già fortemente deficitaria in termini di strutture sanitarie.
Obiettivi del progetto Costruzione ed equipaggiamento di un nuovo piccolo ambulatorio di primo soccorso (centro di salute) nell’area di Barrane, nel distretto di Morrumbene.
Attività Realizzazione di un nuovo centro di salute in muratura dotato di:
- locali per servizio di primo soccorso, ambulatorio e blocco maternità
- Equipaggiamento necessario (arredi e strumentazione medicale di base)
- Servizi igienici (latrine) per operatori sanitari e pazienti
- sistema di approvvigionamento idrico con serbatoio sopraelevato, che permetta l’accesso all’acqua potabile anche per la comunità circostante.
Come da volontà del de cuius l’edificio sarà dedicato agli “Angeli Custodi”, e verrà consegnato alle autorità sanitarie locali in modo che sia inserito nel sistema pubblico che ne garantirà la continuità del servizio, la manutenzione e il funzionamento nel tempo.
Beneficiari Beneficiari diretti dell’intervento: 7.626 persone, pari alla popolazione residente nell’area di Barrane. A questi si sommano le persone afferenti dalle aree limitrofe (Gotite, di circa 13.727 persone, e Sitila, di circa 10.676 persone), che potranno affluire a questa nuova struttura al fine di ricevere un adeguato servizio sanitario.
  pdfScarica la scheda del progetto
Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.